Orecchiette ai broccoli

INGREDIENTI per 4 persone

  • 400 Grammi di orecchiette
  • 500 Grammi di broccoli
  • 100 Grammi di formaggio parmigiano reggiano
  • 100 Grammi di formaggio pecorino
  • 2 Spicchi di aglio
  • La giusta quantità di olio extra vergine di olive
  • Sale quanto basta
  • Peperoncino piccante a piacere

PROCEDIMENTO

Le orecchiette sono un formato di pasta tipico della Puglia anche se nel corso degli anni alla Cala delle Lampare sono oramai diventate parte integrante del menù e, soprattutto cucinate con i broccoli, sono molto apprezzate sia dagli italiani che dagli stranieri. Quando decido di preparare questo primo piatto, sistemo sul fuoco vivace una padella con l’olio extra vergine di olive e l’aglio schiacciato e aspetto che quest'ultimo incomincia a soffriggere, aggiungo poi un pizzico di peperoncino, un altro di sale e i broccoli puliti e tagliati grossolanamente che lascio poi cuocere per circa 10 minuti. Trascorso questo tempo abbasso la fiamma al minimo e lascio la padella in caldo, intanto in una pentola verso acqua abbondante e una giusta quantità di sale e la sistemo sul fuoco per farla bollire in modo tale che posso poi calare le orecchiette per farle cuocere. Aggiungo un filo d’olio nell'acqua di cottura evitare che la pasta si possa attaccare, mescolo ogni tanto e, dopo circa 12 minuti, le scolo al dente al punto giusto, le verso nella padella con i broccoli cotti in precedenza, ed alzo la fiamma. Rimescolo per ancora un altro minuto e aggiungo poco per volta il parmigiano ed il pecorino grattugiati e, quando mi accorgo che tutti gli ingredienti si sono ben amalgamati fra di loro e che i formaggi incominciano a filare, aggiungo un altro pizzico di peperoncino, comunque facoltativo, e servo il piatto ben caldo. Oltre che le orecchiette, con questa salsa vanno molto bene anche gli spaghetti, le penne o i rigatoni, e in compagnia di questa pietanza consiglio di bere un vino rosso campano corposo e ben fermo come il Ragis delle Vigne di Raito, di colore rubino intenso, con grande carattere ma equilibrato al palato. Questo splendido vino deve il nome al personaggio, probabilmente di origine Longobarda, fondatore di Raito, una frazione di Vietri sul Mare, da cui si gode una splendida vista della costiera e di Salerno. I vigneti aziendali sono immersi in una vegetazione tipica della macchia mediterranea con la presenza di limoneti, ulivi, boschi di corbezzoli, un paesaggio mozzafiato, e nonostante le difficoltà di accesso a queste terrazze, sono state piantate fin dal 2001 le viti.

Curiosità

Di broccoli, una verdura conosciuta sin dall’antichità, se ne riescono a trovare molti in quasi tutta l'Italia meridionale e la raccolta inizia ad ottobre e continua tutto l’inverno fino alla primavera inoltrata. Con l’inizio della stagione incominciano a svilupparsi i fiori dei broccoli per cui diventa complicato reperirli di buona qualità perché in quel periodo normalmente diventano poco commestibili. Questo problema esiste anche nella nostra costiera amalfitana difatti in estate è sempre difficile riuscire a trovare i broccoli freschi, però alla fine in qualche modo i commercianti riescono a recuperare quelli tardivi per cui, volendo preparare questa ricetta, riusciamo a farlo quasi sempre senza essere costretti ad acquistarli surgelati. I broccoli sono botanicamente somiglianti ai cavolfiori dai quali si differenziano per le foglie che hanno un margine più profondo inciso ed un picciolo più lungo.